19:42:34 Giovedì, 21 Novembre 2019

A Teror, una piccola città affascinante che vanta alcuni dei più mirabili esempi di architettura coloniale, la vita è sempre stata dominata a partire dal XVIII secolo dalla Basílica de Nuestra Señora del Pino, dedicata alla santa patrona di Gran Canaria. Le caratteristiche salienti del grande interno a tre navate della Basílica sono l’ampio altare barocco con una statua scolpita in legno della Vergine con le sue ricche vesti, circondata da simboli e offerte votive, molte figure religiose realizzate da José Luján Pérez e cinque dei più importanti dipinti rococò dell'isola.

La leggenda narra che nel 1481 la Vergine Maria apparve ad alcuni pastori sulla cima di un pino e da allora la Nuestra Señora del Pino (Nostra Signora dei Pini), ha svolto un ruolo cruciale nella storia e la vita quotidiana di Gran Canaria. Quando nel 1914 Papa Pio XII la proclamò patrona dell'isola, la cittadina di Teror, con il suo santuario, divenne la capitale religiosa dell’isola.

Ogni anno l'8 settembre, si celebra la Fiesta de la Virgen del Pino (la Festa di Nostra Signora dei Pini) e una folla di pellegrini provenienti da tutta l’isola si reca a Teror per rendere omaggio alla santa. Questa celebrazione non è solo l’evento più in grande della regione ma è anche la festa religiosa più importante del calendario dell'isola e i festeggiamenti si protraggono solitamente per un’intera una settimana.

Quando visitare Gran Canaria
Gáldar
Città di Las Palmas

Splendide case antiche, alcune risalenti al XVI secolo, fiancheggiano Plaza de Nuestra Señora del Pino e la Calle Real de la Plaza. La visita di Teror con i suoi ricchi balconi in pietra e in legno intagliato, è davvero un viaggio a ritroso nel tempo.

Nei pressi della Basílica, troverete Plaza Teresa de Bolívar, intitolata alla memoria della moglie di Simón Bolívar, l’eroe dell'America Latina durante la lotta per l’indipendenza, il cui bisnonno era originario di questa città. A destra della chiesa giace la Casa Museo de los Patrones de la Virgen, un edificio affascinante situato intorno a un cortile e decorato in un pregiato stile del XVII, che presenta anche dipinti, armi, fotografie antiche e mobili antichi che testimoniano lo stile di vita della nobiltà di quel tempo.

Si consiglia di visitare Teror la domenica mattina, giorno in cui si tiene sempre un vivace mercato locale dove si possono degustare e acquistare specialità locali come il chorizo (morbida salsiccia di maiale) e dolci preparati dalle monache dell'Ordine Cistercense.

Playa de las Canteras
Santa Lucía de Tirajana
Playa de San Agustín