10:14:52 Lunedì, 23 Settembre 2019

Il clima eccellente di cui si gode tutto l’anno ed un magnifico terreno vulcanico, con straordinarie vette, regalano a Gran Canaria le condizioni ideali per praticare sport in montagna non invernali, e tra questi l’arrampicata su roccia è diventata una delle più apprezzate negli ultimi anni. Da qui l’aumento vertiginoso degli appassionati che vengono presso le scuole ed i siti di arrampicata dell’isola, con club che nascono ovunque.

Le eruzioni vulcaniche e l’erosione hanno fatto dell’isola un paradiso per tutti gli amanti di questo sport, con formazioni di rocce frastagliate, scogliere verticali, gole, creste, calderoni, aghi di roccia, camini, cunei, strapiombi: tutto quello che un arrampicatore serio può desiderare.

I siti per l’arrampicata si trovano ovunque nell’isola, sebbene i più amati, e le palestre di arrampicata, si trovino in aree con facilità di accesso e dove le rocce hanno la migliore composizione. Tra gli aghi raccomandati per l’arrampicata vi sono Roque Nublo (il primo sito di arrampicata creato sull’isola con 12 eccellenti percorsi e difficoltà infinite), El Palmés in El Toscón de Tejeda, Betancuria in Ayacata o Narices, ai piedi del versante nord di Roque Bentayga (dove vi sono alcune restrizioni all’arrampicata per via dell’importanza archeologica di questo sito).

Vicino a El Nublo si trova il rock circus di Ayacata, santuario dell’arrampicata tradizionale con il più alto numero di percorsi classici di lunghezza e grado di difficoltà diversi. Altro luogo interessante è il Tamadaba, un antico massiccio montuoso con strapiombi verticali a nord ovest dell’isola. Altri siti appassionanti per gli arrampicatori sono Costa Ayala, Bañaderos e Las Meleguinas.

Geografia
Barranco de Guayadeque
Pico de las Nieves

Mentre a sud, il sito più frequentato per gli sport e per arrampicate più audaci è La Sorrueda, vicino a Santa Lucía, nella gola di Tirajana, che attrae il maggior numero di appassionati, insieme a Fatagonia ed alle gole meridionali di Berriel e Ayagaures.

Sull’isola ci si può arrampicare praticamente ovunque, ad eccezione di alcune aree di proprietà pubblica, quelle militari o siti di speciale importanza geologica. Tuttavia, gli arrampicatori devono sempre e in ogni caso rispettare, salvaguardare e non arrecare alcun disturbo all’ambiente e agli habitat naturali.

Bisogna essere consapevoli del fatto che si tratta di uno sport rischioso, che richiede il possesso di una certa documentazione a propria protezione quali licenza della federazione, polizza assicurativa che copra la responsabilità civile, gli incidenti, e così via. Al fine di essere preparati ad ogni evenienza si consiglia di mettersi in contatto con la Federación Canaria de Montañismo y Escalada prima della partenza.